Roma e il Decoro Urbano

Nella prima foto, il decoratissimo Nucleo Decoro Urbano di Roma, sulla nota arteria Cristoforo Colombo, non lontano – per intenderci – dalle Terme di Caracalla. Nella seconda, sempre sulla Colombo, a due passi dal suddetto Nucleo Decoro Urbano, una signorina al lavoro in tenuta estiva.
Immagino faccia parte del decoro urbano.
Insomma, se la Palermo di Orlando ha il suo decorosissimo parco della Favorita, la Roma della Raggi non è da meno.
Complimenti alle due Capitali. E siete pregati di non fare giochi di parole sulla cul-tura.

Acqua… nonostante il bandito Giuliano

Abbeveratoio costruito da mio padre insieme a tante strade e ponti nella zona dell’Alto e Medio Belice. Quando tornava, stanco morto, io mi precipitavo a togliergli gli scarponi con un dito di fango indurito ancora attaccato alle suole. Avevo meno di dieci anni, e per me era una via di mezzo fra un gioco e un privilegio; poi, diventato papà anch’io, ho capito quanto si godesse quel momento di ritorno a casa. Fino a qualche anno prima la zona era stata dominio della banda di Salvatore Giuliano, e in più di un’occasione gli era capitato di essere rinchiuso in un casolare o in una stalla con i suoi assistenti “perché doveva passare Turiddu”, e nessuno doveva vedere.