Savona e il tifo da curva sud

Che il Prof. Savona sia un grande economista non c’è dubbio. Come non c’è alcun dubbio che sia contro l’Europa e l’Euro: lo testimonia una intera (lunga) vita, con interviste e libri. Proprio per la coesistenza di ambedue le cose non poteva però fare il ministro dell’Economia: la sua nomina sarebbe stata vista come una dichiarazione di guerra all’Europa, e i mercati avrebbero reagito come in parte hanno fatto.

Trovo meravigliosamente ingenui i commenti del tipo “Ma Di Maio ha detto che Savona adesso non è contro l’Euro” o “Di Maio ha detto che Savona faceva il duro per negoziare meglio”. Da mesi i nostri politici ci riempiono di affermazioni successivamente smentite, come si può pretendere che improvvisamente vengano presi sul serio? E infine, trovo davvero assurda e masanelliana l’affermazione indignata “Il mercato cerca di condizionare la nostra politica con lo spread”. È esattamente il contrario. È la nostra politica ballerina e antisistema a tutti i costi che allarma i mercati e fa vendere i titoli del debito pubblico. L’aumento dello spread è una conseguenza.

Chi dice certe cose non ha idea di come funzionino i mercati. Io conosco almeno due persone che hanno venduto i loro BTP (risparmi personali) preoccupati di una futura uscita dall’euro: così facendo hanno contribuito al loro crollo. Come ha detto lo stesso Mattarella nel suo recente discorso, “Bisogna difendere con forza gli interessi dell’Italia in seno all’Europa”. Giustissimo, sacrosanto, e prima lo facciamo e meglio è. Ma non diamo l’incarico a uno che si è sempre dichiarato un nemico dell’Europa e dell’Euro, perché avrà difficoltà a negoziare.

E infine una considerazione. Tanti dicono che l’Europa ci vuole derubare della nostra sovranità. Signori miei, dobbiamo renderci conto che chi accumula enormi debiti, come abbiamo fatto noi, di fatto cede un po’ di sovranità. Quando si va in banca a chiedere il mutuo per comprarsi una casa, la banca non mette sull’immobile un’ipoteca? E nessuno si sogna di dirle “Cancellami il debito perché a casa mia il padrone sono io”. “Tu sei il padrone, è vero” – ci risponderebbe la banca – “ma hai preso l’impegno di restituirmi i soldi, e se non lo fai mi prendo la casa”. Sono concetti semplici semplici, ma so – lo constato ogni giorno su Facebook – che raramente si riesce a farli accettare a chi è stato convinto a pensarla diversamente: abbiamo trasferito su FB la nostra “fede da curva sud”, e se una cosa ce la dice il capo della nostra squadra/partito/movimento, magari accompagnandola con un bellissimo slogan, non approfondiamo e continuiamo a fare il tifo a qualsiasi costo.

Io invece, da “orfano politico”, perché non ho più un partito di riferimento, mi sono condannato a usare ogni volta la mia testa. Cosa faticosa e purtroppo abbastanza inutile.

Gli abbacchi della giunta Raggi

È di ieri la notizia che la giunta Raggi vuole usare le pecore come tosaerba a quattro zampe.
Quando Goethe visitò Roma nei primi dell’ ’800, Roma era piena di buche e le pecore pascolavano fra i monumenti. Per tornare ai tempi del grande tedesco mancavano solo gli ovini, dal momento che per le buche la Capitale si è già abbondantemente attrezzata.
I sostenitori del progetto dicono che a Berlino stia funzionando perfettamente.
I contrari replicano “A Berlino, appunto. Dove – a parte l’assenza di buche – non si vede immondizia, tutti pagano il biglietto sui mezzi pubblici e gli autobus non vanno a fuoco”.
Io mi limito a prevedere un boom di allegre grigliate nei parchi e il crollo dei prezzi dell’abbacchio.

Salvini: il problema del bufalo

Cancellare i 250 miliardi del debito italiano? A parte il fatto che è una castroneria “di per sè” (vi immaginate la BCE che continua a comprare i nostri titoli di Stato con il famoso “Quantitative Easing” sapendo che intendiamo stracciarli?); a parte anche il fatto che, se questa cosa fosse stata possibile, l’avrebbe già implorata la Grecia; insomma, a parte tutto questo, chiedere ai tedeschi di cancellare il debito dell’Italia sarebbe come chiedere ai leghisti di ripianare di tasca propria i conti della regione Sicilia. Salvini a questa cosa non ci ha pensato per distrazione, non ci arriva poverino con la testa, o si è spinto troppo in là con il popolo che l’ha votato, e se gli dice la verità rischia di esserne travolto? Come il capo-bufalo che se non corre più veloce di quelli che “trascina”, finisce calpestato…

Siamo sicuri che non dovremmo rivedere il concetto di “minorenne”?

A proposito delle violenze verbali e fisiche di ragazzi sugli insegnanti,

(date un’occhiata qui: https://www.facebook.com/rivogliobologna/videos/1338316139645278/ )

tre mie considerazioni.

1) Se si ammette che un trentenne che commette un reato possa risultare alla perizia psichiatrica “non nelle piene facoltà mentali” o “ritardato” e quindi abbia un trattamento più indulgente (cosa giusta), perché non si prende atto del fatto che è vero anche il contrario, e che un diciassettenne che commette un reato (e questi che vediamo documentati SONO reati) possa essere invece “più criminalmente maturo” della sua età, e quindi essere degno di punizioni “più da adulti”? Abbiamo visto bande di quattordicenni che delinquono fino all’omicidio. Vogliamo continuare a considerarli “bambini” fino a 17 anni, 11 mesi e trenta giorni e lasciarli in circolazione a”specializzarsi” ancora di più?
2) Perché non si fa un regolamento di comportamento nazionale, valido per tutte le scuole (sbizzarritevi: telefonini sì/no, alzarsi in piedi quando entra l’insegnante o no, andare alla cattedra solo quando invitati dall’insegnante eccetera) e soprattutto
3) Perché non si installano telecamere nelle classi e nei corridoi? Telecamere che registrano e conservano i filmati per una settimana, senza che nessuno normalmente possa vederli. Dopo una settimana, i vecchi filmati sarebbero cancellati dai nuovi. Così si rispetterebbe la privacy. Ma alunni e professori saprebbero che, se succedesse qualcosa, le registrazioni sarebbero lì per essere visionate. È mai possibile che tante di queste cose si sappiano SOLO “grazie” a… registrazioni fatte dai ragazzi sui loro cellulari ( e quindi a un’altra scorrettezza?)